Barriere architettoniche

L'articolo 16-bis del TUIR) disciplina una detrazione dall'imposta lorda delle persone fisiche per le spese sostenute, tra l'altro, per la realizzazione degli interventi ivi indicati effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale,
anche rurali, e sulle loro pertinenze nonché sulle parti comuni degli edifici.

Ai sensi dell'articolo 16, comma 1 del decreto legge 4 giugno 2013. n. 63, la detrazione attualmente è pari al 50 per cento delle spese sostenute ed è calcolata su un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare.
Il limite di spesa ammesso alla detrazione è annuale e riguarda il singolo immobile; le spese relative ai lavori sulle parti comuni dell'edificio, essendo oggetto di un'autonoma previsione agevolativa, devono essere considerate, dal condomino o dall'unico proprietario dell'intero edificio, in modo autonomo ai fini dell'individuazione del limite di spesa detraibile.

Pertanto, nel caso in cui vengano effettuati dal medesimo contribuente, anche nello stesso edificio, sia lavori sulle parti comuni che lavori sul proprio appartamento, la detrazione spetta nei limiti di spesa precedentemente riportati, applicabili disgiuntamente per ciascun intervento.

Nel caso di titolarità di più appartamenti, il limite massimo di spesa relativo ai lavori sulle parti comuni va considerato autonomamente per ciascuna abitazione e, in caso di più contitolari dell'unità abitativa, deve essere suddiviso tra gli stessi.
Ai sensi del comma 1, lett. e), del citato articolo 16-bis del TUIR, la detrazione spetta per le spese sostenute per gli interventi

«finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche, aventi ad oggetto ascensori e montacarichi, alla realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia adatto a favorire la mobilità interna ed esterna all'abitazione per le persone portatrici di handicap in situazioni di gravità, ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104".

Come ribadito, da ultimo, con la circolare 25 giugno 2021, n.7/E si tratta di opere che possono essere realizzate sia sulle parti comuni che sulle singole unità immobiliari e si riferiscono a diverse categorie di lavori quali, ad esempio, la sostituzione di finiture (pavimenti, porte, infissi esterni, terminali degli impianti), il rifacimento o l'adeguamento di impianti tecnologici (servizi igienici, impianti elettrici, citofonici, impianti di ascensori), il rifacimento di scale ed ascensori, l'inserimento di rampe interne ed esterne agli edifici e di servoscala o di piattaforme elevatrici che presentino le caratteristiche tecniche previste dal decreto ministeriale 14 giugno 1989, n. 236 (legge di settore).
La detrazione spetta anche se l'intervento, finalizzato all'eliminazione delle barriere architettoniche, è effettuato in assenza di disabili nell'unità immobiliare o nell'edificio oggetto di lavori.


5 recensioni.

Eliminazione barriere architettoniche aliquota Iva

Contenuto esclusivo per utenti abbonati

Per gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche aliquota Iva ridotta del 4%

Autore: Vedi Articolo Fonte: Agenzia Entrate del 29/09/2022

Recensione di Roberto Castegnaro


Bonus barriere architettoniche: sì alla società se l’edificio esiste

Fruizione da parte di soggetto Ires, della detrazione fiscale del 75% per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022

Autore: Vedi Articolo Fonte: Agenzia Entrate del 28/09/2022

Recensione di Roberto Castegnaro


Barriere architettoniche ok lavori connessi ok edificio con uffici

Ristrutturazione del bagno, compresa la sostituzione dei vecchi sanitari, pavimento, impianto elettrico, intonaco. Edificio condominiale a prevalenza non residenziale.

Autore: Testo di Legge Circ. Risoluzione Fonte: Agenzia Entrate del 22/09/2022

Recensione di Roberto Castegnaro


Eliminazione barriere architettoniche detrazione anche alle imprese per qualsiasi immobile

Credito d’imposta previsto dalla legge di Bilancio 2022, del 75% della spesa da ripartire in 5 quote con tetto massimo non superiore a 50mila euro, per l’immobile locato

Autore: Testo di Legge Circ. Risoluzione Fonte: Agenzia Entrate del 07/09/2022

Recensione di Roberto Castegnaro


Bonus barriere architettoniche 110% e altre agevolazioni

3 chiarimenti sulla nuova detrazione prevista per l’eliminazione degli ostacoli che impediscono la mobilità delle persone con difficoltà

Autore: Testo di Legge Circ. Risoluzione Fonte: Agenzia Entrate del 25/05/2022

Recensione di Roberto Castegnaro